Sabato 3 settembre, ore 19.30
Orchestra Sinfonica della Radio di Berlino
Direttore Vladimir Jurowski
Vilde Frang, violino

Belvedere di Villa Rufolo

Sabato 3 settembre
Belvedere di Villa Rufolo, ore 19.30
Orchestra Sinfonica della Radio di Berlino
Direttore Vladimir Jurowski
Vilde Frang, violino
Musiche di Mozart, Bartók, Schubert
Posto unico € 50

Programma
Wolfgang Amadeus Mozart
Don Giovanni, Ouverture

Béla Bartók
Concerto n.1 per violino e orchestra, BB 48a, SZ 36

***

Franz Schubert
Sinfonia n.9 in do maggiore “La grande” D.944

Vladimir Jurowski, uno dei direttori d’orchestra più ricercati oggi, acclamato in tutto il mondo per la sua incisiva musicalità e il suo avventuroso impegno artistico, è nato a Mosca nel 1972, ed ha completato la prima parte dei suoi studi musicali presso il collegio musicale del Conservatorio di Mosca. Nel 1990 si è trasferito con la famiglia in Germania, proseguendo gli studi presso le Musikhochschules di Dresda e Berlino, studiando direzione d’orchestra con Rolf Reuter e coaching vocale con Semion Skigin. Nel 1995 ha fatto il suo debutto internazionale al Festival di Wexford dirigendo May Night di Rimsky-Korsakov, e lo stesso anno ha debuttato alla Royal Opera House Covent Garden con Nabucco.
Jurowski è Direttore Principale e Direttore Artistico della Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin. A partire dalla stagione 2021/22 ha assunto la carica di Direttore Musicale Generale della Bayerische Staatsoper di Monaco, dimettendosi dai suoi acclamati quindici anni come Direttore Principale della London Philharmonic Orchestra, per diventare il loro Direttore Emerito. Inoltre detiene i titoli di Artista Principale dell’Orchestra of the Age of Enlightenment , Direttore Artistico della Russian State Academic Symphony Orchestra  e Direttore Artistico del Festival Internazionale George Enescu, di Bucarest. In precedenza ha ricoperto gli incarichi di Primo Maestro di Cappella della Komische Oper Berlin (1997-2000), Direttore Ospite Principale del Teatro Comunale di Bologna (2000-2003), Direttore Ospite Principale dell’Orchestra Nazionale Russa (2005-2009) e Direttore Musicale Direttore del Glyndebourne Festival Opera (2001-2013).
Vladimir Jurowski intrattiene stretti rapporti con le istituzioni artistiche più prestigiose del mondo e ha collaborato con molte delle più importanti orchestre mondiali tra cui la Chamber Orchestra of Europe, la Royal Concertgebouw Orchestra, la Staatskapelle Dresden, la Gewandhausorchester Leipzig, la Cleveland e Philadelphia Orchestra, la New York Philharmonic, la Chicago Symphony, la Boston Symphony i Berliner Philharmoniker e i Wiener Philharmoniker. È ospite regolare dei BBC Proms, del Musikfest Berlin e dei Festival di Dresda, Lucerna, Schleswig Holstein, Grafenegg e Rostropovich festival a Mosca.
Impegnato direttore d’opera, gli highlights di Jurowski includono Die Frau ohne Schatten a Berlino e Bucarest con la Rundfunk-Sinfonieorchester, esibizioni semi-sceniche di Das Rheingold di Wagner, Die Walkure e Siegfried con la London Philharmonic, Wozzeck, Der Rosenkavalier e The Fiery Angel di Prokofiev alla Bayerische Staatsoper, Henzes The Bassarids e Moses und Aron di Schoenberg alla Komische Oper Berlin, il suo acclamato debutto al Festival di Salisburgo con Wozzeck e il suo primo ritorno a Glyndebourne come direttore ospite, nella prima mondiale di Hamlet di Brett Dean. Ha diretto Parsifal alla Welsh National Opera, Guerra e pace all’Opera National de Paris, Eugene Onegin al Teatro alla Scala di Milano, Ruslan e Ludmila al Bolshoi Theatre, Iolanta e Der Teufel von Loudon alla Semperoper di Dresda, nonché come Die Zauberflöte, La Cenerentola, Otello, Macbeth, Falstaff, Tristan und Isolde, Die Meistersinger von Nurnberg, Don Giovanni, The Rake’s Progress, The Cunning Little Vixen, Ariadne auf Naxos e Love and Other Demons di Peter Eötvös alla Glyndebourne Opera.
Nella stagione 21/22, Jurowski è tornato ad esibirsi alla Staatskapelle di Dresda ha diretto nuove produzioni de Il naso di Shostakovich e Die Teufel von Loudun di Penderecki alla Bayerische Staatsoper, e ha eseguito un vasto repertorio sinfonico da Mozart, Liszt, Enescu ed Elgar, a Suk, Britten, Nikodijevic e Firsova, con particolare attenzione a Stravinsky, Prokofiev e Bruckner con la Rundfunk-Sinfonieorchester, e Shostakovich e Mahler con la Bayerisches Staatsorchester.
La discografia di Jurowski con la London Philharmonic Orchestra comprende le sinfonie complete di Brahms e Tchaikovsky e opere che vanno da Haydn e Beethoven, passando per Mahler, Zemlinsky, Holst, Rachmaninov e Szymanowski, fino a Turnage, Denisov e Silvestrov. Per la Pentatone Records ha registrato la Terza Sinfonia di Schnittke, Totenfeier e Das Lied von der Erde di Mahler e Also Sprach Zarathustra di Strauss con la Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin, i balletti di Tchaikovsky e una serie in corso di sinfonie di Prokofiev con la State Academic Symphony of Russia e una serie di opere russe con la Russian National Orchestra, e per Hyperion opere di Mendelssohn e Mahler con l’Orchestra of the Age of Enlightenment, e concerti per violino di Shostakovich con la State Academic Symphony of Russia. Il suo incarico come direttore musicale a Glyndebourne è stato documentato in numerose pubblicazioni su CD e DVD, tra cui produzioni pluripremiate di Tristano e Isotta, Die Meistersinger von Nurnberg, Ariadne auf Naxos, Falstaff, La Cenerentola, The Miserly Knight di Rachmaninov e Betrothal di Prokofiev in un Monastero. Altre uscite in DVD includono Hansel und Gretel del Metropolitan Opera New York, il suo primo concerto come direttore principale della London Philharmonic Orchestra con opere di Wagner, Berg e Mahler, e DVD con l’Orchestra of the Age of Enlightenment (sinfonie di Beethoven 4 e 7) e la Chamber Orchestra of Europe (Strauss e Ravel), tutti pubblicati da Medici Arts.

Vilde Frang ha ricevuto all’unanimità il Credit Suisse Young Artist Award nel 2012 e ha debuttato con i Wiener Philharmaniker diretti da Bernard Haitink al Festival di Lucerna nello stesso anno.
Le sue apparizioni più importanti nel 2022 e 2023 includono concerti con i Berliner Philharmoniker, la London Symphony, la Concertgebouw Orchestra, la Gewandhausorchester Leipzig, la Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, la Budapest Festival Orchestra, la Chamber Orchestra of Europe, l’Orchestre de Paris, la Tonhalle-Orchestre di Zurigo, l’Orchestra di Santa Cecilia, Filarmonica di San Pietroburgo, Chicago Symphony, Los Angeles Philharmonic, Cleveland Orchestra, Israel Philharmonic, Sydney Symphony e NHK Symphony a Tokyo, con direttori come Valery Gergiev, Ivan Fischer, Manfred Honeck, Zubin Mehta, Mariss Jansons, Teodor Currentzis, Herbert Blomstedt, Daniel Harding, Vladimir Jurowski, David Zinman, Philippe Herreweghe, Esa Pekka Salonen, Yuri Temirkanov e Sir Simon Rattle.
Appare regolarmente ai festival di Salisburgo, Verbier, Lucerna, London Proms, Rheingau, Mecklenburg-Vorpommern, Lockenhaus, Mostly Mozart Festival, Prague Spring Music Festival e George Enescu Festival di Bucharest. Come solista ed in recital, Vilde si è esibita sale come il Concertgebouw, il Musikverein, la Wigmore Hall, Royal Albert Hall, Tonhalle di Zurigo, Bozar di Bruxelles, Rudolfinum, Tchaikovsky Hall di Mosca, le Vancouver Recital Series, le Boston Celebrity Series, le San Francisco Performances ed alla Carnegie Hall di New York.
Vilde Frang è un’artista esclusiva della Warner Classics e le sue registrazioni hanno ricevuto numerosi premi, tra cui il Grand Prix du Disque, l’Edison Klassiek Award, il Deutsche Schallplattenpreis, il Diapason d’Or e il Gramophone Award.
Dal 2020 è membro del consiglio artistico dell’Oslo Chamber Music Festival.
Nata in Norvegia nel 1986, Vilde è stata ingaggiato da Mariss Jansons all’età di dodici anni per debuttare con la Oslo Philharmonic.
Ha studiato al Barratt Due Musikkinstitutt di Oslo, con Kolja Blacher, alla Musikhochschule di Amburgo e, con Ana Chumachenco alla Kronberg Academy. Ha anche lavorato con Mitsuko Uchida come vincitrice della Borletti-Buitoni Trust Fellowship nel 2007 ed è stata borsista nel 2003-2009 presso la Anne-Sophie Mutter Foundation.
Vilde Frang suona il Guarnieri del Gesù  “Rode” del 1734, generoso prestito di un benefattore europeo.

Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin
Per molti anni, la Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin (RSB) ha ricoperto una posizione riconosciuta a livello internazionale nelle prime file delle orchestre radiofoniche tedesche e delle migliori orchestre di Berlino. Nell’autunno 2017 Vladimir Jurowski ha assunto il ruolo di direttore principale e direttore artistico della Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin. Al suo fianco, Karina Canellakis è Direttore Ospite Principale dal 2019.
La storia della Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin risale alla prima ora musicale della radio tedesca nell’ottobre 1923. Gli ex direttori principali, tra cui Sergiu Celibidache, Eugen Jochum, Hermann Abendroth, Rolf Kleinert, Heinz Rögner, Rafael Frühbeck de Burgos e Marek Janowski, a sua volta, ha formato un insieme che ha sopportato le vicissitudini della storia tedesca nel 20° secolo in un modo unico.
La RSB è diventata un punto di riferimento per giovani direttori d’eccezione sulla scena musicale internazionale: Andris Nelsons, Yannick Nézet-Séguin, Vasily Petrenko, Jakub Hrůša, Alain Altinoglu, Omer Meir Wellber, Lahav Shani e Nicholas Carter. Molti di loro hanno debuttato a Berlino con la RSB e sono tornati come ospiti regolari.
Dal 1923, importanti compositori contemporanei sono apparsi sul podio della Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin, o hanno eseguito proprie opere come solisti: Paul Hindemith, Arthur Honegger, Darius Milhaud, Sergei Prokofiev, Richard Strauss, Arnold Schönberg, Igor Stravinsky, Vladimir Vogel , Kurt Weill e Alexander Zemlinsky e, più recentemente, Krzysztof Penderecki, Peter Maxwell Davies, Friedrich Goldmann, Berthold Goldschmidt, Siegfried Matthus, Matthias Pintscher, Peter Ruzicka, Heinz Holliger, Jörg Widmann, Thomas Adès e Brett Dean. Il posto per Composer in Residence presso la RSB è stato occupato negli ultimi anni da Brett Dean e Marko Nikodijević. Nella stagione 2021/22, Jelena Firssowa donerà la sua musica alla RSB.
Tutti i concerti sinfonici della RSB vengono trasmessi alla radio grazie agli legami con Deutschlandfunk e Rundfunk Berlin-Brandenburg (rbb). La collaborazione con Deutschland radio continua a dare i suoi frutti anche con eccellenti incisioni su CD. Quattro registrazioni sotto la direzione di Vladimir Jurowski hanno aperto un nuovo capitolo nella produzione dal 2015. Da oltre 50 anni, la RSB si esibisce regolarmente come ospite in Giappone e Corea, nonché in festival tedeschi ed europei e nei centri musicali di tutto il mondo.